La Befana di vegil d’Arzenta

“La befana dei vigili di Argenta” è la poesia che il 26 maggio 2011 ha vinto il PRIMO PREMIO al concorso dialettale Mario Roffi di Ferrara, scritta dall’argentano Giacomino ZIMO Gherardi.

LA BEFÀNA DI VÊGIL D’ARZÉNTA

A m’arcòld che da putêŋ
a m’alvéva ala matêna
e a truvéva intal camêŋ
quèl ‘c purtéva la Befàna.

Dòp, mi bàbo l’um carghéva
sol canòŋ dla biciclèta
e in piàza l’um purtéva
a festegèr la Pasquèta.

Intl’incróš sòta al Cumôŋ
l’ira tôta ‘na prucisiòŋ,
una gàra intal purtèr
dla graŋ ròba da magnèr.

Parsôt, salamêŋ,
panetôn e bòci ad vêŋ,
ciculèt e furmài,
e tènt ètar regài.

Quèst l’ira par la zént
cumè un ringraziamént
ai vêgil dal cumôŋ
che in fònd i ira bôŋ.
I féva al su dvér,
però bèŋ is féva vlér.

Ah, che bèi i timp pasè!
Incùa al mònd al s’è arvarsè.
I regài i ti fa lór
tot i dê, a tôti igli ór.

Una fòto da lughè
s’at pas la velozitè.
Se par fèr i tu afèri
at parchèğ in mèz a piàza
e t’at šméng al dêsc urèri
i è lê ch’it fa la càza
e i t’atàca cun pruntèza
un fuitên sôl parabrèza.

E ormai ènc in biciclèta
pròpi méntar c’at pedèl
se t’incroš una stafèta
t’an pu briša ster tranquêl.

Pèga incùa e pèga admàŋ,
i è un pu stôf i arzantàŋ,
e ormai, zirèr par strèda,
una tàsa l’è dvantèda.
Al srêb mèi turnèr indrìa
e andèr incóra a pìa.

Al farêsan ad vluntìra,
mo senz’ètar i sarêb bôŋ
ad truvèr la manìra
par freghèr ènc i pedôŋ.

 

LA BEFANA DEI VIGILI DI ARGENTA

Mi ricordo che da bambino
mi alzavo alla mattina
e trovavo nel camino
quello che portava la Befana.

Dopo, mio papà mi caricava
sulla canna della bicicletta
e in piazza mi portava
a festeggiare la Pasquetta.

Nell’incrocio sotto il Comune
era tutta una processione,
una gara nel portare
tanta roba da mangiare.

Prosciutti, salamini,
panettoni e bottiglie di vino,
cioccolate e formaggi,
e tanti altri regali.

Questo era per la gente
Come un ringraziamento
ai vigili del comune
che in fondo erano buoni.
Facevano il loro dovere,
però si facevano benvolere.

Ah, che belli i tempi passati!
Oggi il mondo si è rovesciato.
I regali te li fanno loro,
tutti i giorni e a tutte le ore.

Una foto da nascosti
se superi la velocità.
Se per sbrigare i tuoi affari
parcheggi sulla piazza
e dimentichi il disco orario
sono lì che ti fanno la caccia
e ti attaccano prontamente
un foglietto sul parabrezza.

E ormai anche in bicicletta,
proprio mentre stai pedalando,
se incroci una staffetta
non puoi stare tranquillo.

Paga oggi, paga domani,
sono stanchi gli argentani,
e ormai girare per strada
una tassa è diventata.
Sarebbe meglio tornare indietro
e andare ancora a piedi.

Lo faremmo volentieri,
ma senz’altro sarebbero capaci
di trovare la maniera
per fregare anche i pedoni.

Giacomino Gherardi

Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie, sia di tipo tecnico che di profilazione. I cookie di profilazione installati provengono tutti da servizi esterni. Tutti i cookie utilizzati sono necessari a fornire una migliore esperienza di navigazione. Negando l'uso dei cookie potresti non poter usufruire dei contenuti e/o servizi offerti da argentaweb.it. Se vuoi saperne di più ti invitiamo a leggere l'informativa estesa, dove potrai negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie. Cliccando su "Accetto" o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi