I Arzantan

Nel mese di maggio 2010 Giacomino Gherardi ha ottenuto il terzo premio al concorso MARIO ROFFI di poesia dialettale FERRARESE con un testo in dialetto Argentano intitolato “I ARZANTAN” (gli argentani).

Un risultato inaspettato dice lo stesso autore visto che il dialetto argentano non viene proprio riconosciuto come “ferrarese”, ma quasi romagnolo.

Ecco il testo in dialetto argentano con sotto la traduzione:

I ARŽANTAŊ

Qui ad Frèra i diš
c’a sèŋ rumagnùa
parchè al nòstar dialèt
al n’è brìša cumè al sua.

I rumagnùa invèzi i diš
che nuèltar a sèŋ frarìš
parchè a stèŋ
adlà dal Rèŋ.

A g’avèŋ ciapè ‘d déntar
parchè as sèŋ truvè al zéntar
fra Ravèna e Frèra,
chi ìra sempr’in guèra.

Par mêl an a s’a picè
i frariš, pu i rumagnùa,
mo as sèŋ pròpi stufè
e finalmént incùa
a gèŋ c’l’è finìda la fèsta
e l’è óra ad drizèr la tèsta
e ‘d dir cul cur in maŋ:
“A sèŋ sol di aržantàŋ”.

C’a savìvi che ad Aržénta
avèŋ avó žént impurtènta,
architêt, espluradùr,
erudê e graŋ pitùr,
personàğ dal gran capìr
aprezè dal mònd intìr.

A sèŋ òman dal caràtar dur,
tôt di graŋ lavuradùr,
par an scórar digli arždóri,
brèvi in ca e purasè sèri.

Žént ‘c s’è fàta gnir i cal
inti pìa e pu intil maŋ
par cavèr dal nòstar val
ènc sóltènt un pèz ad paŋ.

Žént a drìa ai lavùr agrêcul,
batr al graŋ, cavèr il biédul,
la zivòla, i ravanlêŋ,
i pandòr e i fašulêŋ,
e d’istè a côiar la frôta,
c’la gh’è praticamént tôta.

Al pòst l’ìra inuspitèl,
umditè e graŋ zanzèl,
la malària e la pelègra,
cólpa d’una diéta mègra
cun un’alimentaziòŋ
fata sól ad furmantòŋ.

E par quèst i è stè impurtènt
qui ch’ig géva “i scariulènt”.
Cul badêl e la cariòla
sô e žò i féva la spòla
par alzèr la pruteziòŋ
e impedìr gl’inundaziòŋ,
e a g’avèŋ guadagnè tôt
specialmént intla salôt.

E pu… e pu al bumbardamént
du ch’è mòrt un sac ad žént,
quèši gnint è vanzè in pìa,
furtunè qui ch’ìra via,
e acsê, dòp ala guèra
al paéš al s’è truvè a tèra.

Zèrt che al cólp l’ìra stè fòrt
mo dòp avér suplê i su mòrt
piaŋ pianêŋ i s’è fat fòrza
i a fat védar la su scòrza.

I n’a gnènc finê ‘d zighèr
ch’i s’è mês a lavurèr,
i s’è inventè di amstìr
e i s’è mês a ricustruìr,
e, nisôŋ g’arìa cardô,
mo al paéš i a tirè sô.

E dòp sistemè sti quèi,
cum ch’i a tachè a stèr mèi,
i a tachè ènc a fèr di fiùa
e a sèŋ nat nôŋ ragazùa.

 

GLI ARGENTANI

Quelli di Ferrara dicono
che siamo romagnoli
perché il nostro dialetto
non è come il loro.

I romagnoli invece dicono
che noi siamo ferraresi
perché abitiamo
di là dal Reno

Le abbiamo sempre buscate
perché ci siam trovati in mezzo
tra Ravenna e Ferrara
che erano sempre in guerra.

Per mille anni ci hanno picchiato
I ferraresi, poi i romagnoli,
ma ora siamo proprio stanchi
e finalmente oggi
diciamo che la festa è finita
ed è ora di alzare la testa
e di dire col cuore in mano:
“Siamo solo degli argentani”.

Sappiate che ad Argenta
abbiamo avuto gente importante,
architetti, esploratori,
eruditi e gran pittori,
personaggi di grande intelligenza
apprezzati dal mondo intero.

Siamo uomini dal carattere duro,
tutti gran lavoratori,
per non parlare delle donne,
brave in casa e molto serie.

Gente che si è fatta crescere i calli
nei piedi e nelle mani
per ricavare dalle nostre valli
anche solo un pezzo di pane.

Gente dedicata ai lavori agricoli,
trebbiare il grano, cavare la barbabietole, la cipolla, i rapanelli,
i pomodori e i fagiolini,
e d’estate a raccogliere la frutta,
che c’è praticamente tutta.

Il luogo era inospitale,
umidità e molte zanzare,
la malaria e la pellagra,
a causa di una dieta magra
con un’alimentazione
fatta solo di granoturco.

E per questo sono stati importanti
quelli che venivano chiamati “gli scariolanti”. Col badile e la carriola
facevano la spola su e giù
per innalzare la protezione
ed evitare le inondazioni,
e ne abbiamo tratto vantaggio tutti,
specialmente in salute.

E poi… e poi il bombardamento
dove è morta tantissima gente,
quasi nulla è rimasto in piedi,
fortunati quelli che se n’erano andati,
e così, dopo la guerra
il paese si è trovato a terra.

Certo che il colpo era stato forte
ma dopo aver seppellito i propri morti
piano piano si sono fatti forza e han fatto vedere di che scorza erano fatti.

Non appena finito di piangere
si son messi a lavorare,
si sono inventati dei mestieri
e si sono messi a ricostruire,
e, nessuno ci avrebbe mai creduto,
ma il paese hanno ricostruito.

E dopo aver sistemato queste cose,
non appena hanno cominciato a stare meglio, hanno cominciato anche a fare dei figli, e siamo nati noi ragazzi.

Giacomino Gherardi

Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie, sia di tipo tecnico che di profilazione. I cookie di profilazione installati provengono tutti da servizi esterni. Tutti i cookie utilizzati sono necessari a fornire una migliore esperienza di navigazione. Negando l'uso dei cookie potresti non poter usufruire dei contenuti e/o servizi offerti da argentaweb.it. Se vuoi saperne di più ti invitiamo a leggere l'informativa estesa, dove potrai negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie. Cliccando su "Accetto" o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi