Intrigo italiano. Il ritorno del commissario De Luca

2 gennaio 1954, sabato

La lancetta del contagiri si impennò vibrando nell’occhio rotondo del quadrante di destra, veloce, mentre De Luca si incassava con le spalle tra il sedile e la portiera.
L’Aurelia aveva fatto un balzo in avanti ma si era fermata subito, col ruggito del motore che si spegneva in un ringhio trattenuto.

Giannino bestemmiò, la c di cane aspirata come un colpo di tosse, alla toscana, poi abbassò la levetta del cambio e la tirò indietro, scalando la marcia.

– Mi scusi, ingegnere… c’è quel bischero in motore davanti che mi fa impazzire.

Il commissario De Luca è tornato dopo un’attesa lunga vent’anni. Era dal romanzo Via delle Oche del 1996 che il personaggio di Carlo Lucarelli mancava dagli scaffali delle librerie.

Una storia torbida e ambigua come quegli anni, magistralmente ricostruiti dall’autore.

Bologna, Natale 1953, a far da sfondo neve e Guerra fredda, l’Italia della DC dove si scontrano Fanfani e Piccioni e i bomboloni della stazione di Bologna.

Il corpo nudo di una donna viene ritrovato riverso all’interno di una vasca da bagno, in una mansarda che fu l’appartamento da scapolo del marito professore universitario, anche lui morto due mesi prima in un incidente stradale sospetto.

Il Sifar, famigerato servizio segreto militare italiano, vuole fare luce su questa storia e incarica il commissario De Luca delle indagini.

Tra errori, depistaggi, colpi di scena, il nostro eroe si trova invischiato in un’indagine enigmatica e pericolosa che lo porterà a conoscere ed innamorarsi di una giovane jazzista eritrea che canta in bolognese.

Un po’ giallo, un po’ thriller e un po’ romanzo storico il libro di Lucarelli non delude le aspettative.

Una ricostruzione della Bologna e dell’Italia di quegli anni strepitosa. Un personaggio che ritroviamo come un vecchio amico perso di vista per troppo tempo: “Io non sono un cane bastardo. Sono un cane da caccia. Sono un poliziotto”, e una trama coinvolgente e ben congegnata.

Ma come nei migliori romanzi noir la trama è solo un pretesto per parlare della natura umana.

 

Intrigo italiano. Il ritorno del commissario De Luca
di Carlo Lucarelli
Einaudi
€ 17,00



Giralibri – Ne leggerete di tutti i colori

Una libreria, uno spazio dove incontrare persone, libri e idee.

Giralibri è in Via Matteotti 38/c ad Argenta (FE)
Tel.: 0532 804579 Email: info@giralibri.it Facebook: @giralibri

 

Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie, sia di tipo tecnico che di profilazione. I cookie di profilazione installati provengono tutti da servizi esterni. Tutti i cookie utilizzati sono necessari a fornire una migliore esperienza di navigazione. Negando l'uso dei cookie potresti non poter usufruire dei contenuti e/o servizi offerti da argentaweb.it. Se vuoi saperne di più ti invitiamo a leggere l'informativa estesa, dove potrai negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie. Cliccando su "Accetto" o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi