La Cievga

21 Agost 1984
La Cievga

Elever in tla storia i valor,
principi, ideel, tradizion,
usi, costum, i personag,
il contradizion
e contrapposizion
del so temp e dla so tera.

I s’è mos fen da la piaza
par fer festa in d’la Ciavgaza,
mazalèr, barbir, dutùr,
falegnam e profesùr.

Cun l’orchestra casarecia
che la sona ench ad urecia,
e dirèta da Mundèn
cun Papai al mandulèn,
as sen mess tòt a magnèr,
cantèr, rìdar e balèr.

In d’la cà ad Lino Vulpèn
as sen bvest zent lètar ad ven
con I gròstal, prepare
da su muìr, al dop mezdè.

Dop, di bìgul e pu i biscòt,
i prem crud e i èltar cot
chi è sparè velozemènt
parchè a siran tòt cuntènt;
a sorpresa, da una sporta,
è spuntè piò terd ‘na torta.

Cun la musica a cantèva
ch’iran bon e chi putiva:
zent canzòn par Natalino,
una e meza Vincenzino,
tre Gianfranco, quàtar Gardo
e pu via, senza ritardo!

Quend cantèva Macagnàn
par la pèsta è passè un can
mentre Truman, pr’an ster mel,
al bveva dl’acqua minerèl
e cun lò, a vudèr l’acquario,
gh’ira ench Tebaldi Mario
pu, par vèrzar al buciòn,
gh’ira Alfredo Tugnalòn.

Pr’al cantèr e ster cuntìnt
da magnèr gh’ira piò gnint
ma in puch temp è stè truvè
e pu sòbit ben sfitlè,
(grazie a Nino, mente sveglia),
al salàm dl’ambròs d’la Veglia!

A sfitlèr, in tuta blu,
gh’ira Lino U-Mu-Mu.
A un zert puntè arivè Jòfa

che, pr’an ferigh fer la mòfa
l’ha purtè grasùa e suzèza
chi è sparè cumè una frèza.

L’atmosfera d’armonia
l’è scupièda in allegria
tent che, ragazùa che roba,
a balèva ench la Maria Goba!

E tra i ospiti, cuntìnt,
chi s’ra stè o queng o vint,
Bovo, Mistri e pu Vanzèn,
Travasòn coi su disgnèn,
Cunsulèn, Zaghi e Latino
e al mez mat Cavina Mino;

Cesarino cun l’Argia
cl’as contenta d’na poesia
e, cun mud zantèl e bel,
la Vittoria di giurnèl
pu, distès sora un divano,
la Mirella cun Silvano
che par tòt al temp d’la festa
i n’ha mai chinè la testa.

A gh’ira ench Nino Negrèn
cl’ira ross cumè un tachèn
e, la pènza ben in vèsta,
Bottonino al zimentèsta,
quindi impgnè c’me camerìr
Pegoraro e su muìr.

E par srer la compagnia
con una fotografia
gh’ira Nanni ch’al scatèva
tent che nuèltar as magnèva.

E cum’è ogni cosa bella
a finèsc la zirudèla
col rimpiènt dal temp passè
quend ch’a sìran piò lighè
par amor ed amicizia,
solidarietà, giustizia.

‘Chè la Cievga la v’insègna
ch’an s’fa fugh senza la lègna,
e l’algnàm ch’avèn druvè
l’è la generosità:
par tòt quent, adès e admàn,
a sen chè col cur in man.

 

21 Agosto 1984
La Chiavica

Elevare nella storia i valori,
principi, ideali, tradizioni,
usi e costumi, i personaggi,
le contraddizioni
e contrapposizioni
del suo tempo e della sua terra.

Sono venuti persino dalla piazza
per fare festa nella Chiavica,
macellai, barbieri, dottori,
falegnami e professori.

Con l’orchestra fatta in casa
che suonava anche ad orecchio,
e diretta da Mondo
con Papai al mandolino,
ci siamo messi tutti a mangiare,
cantare, ridere e ballare.

Nella casa di Lino Volpi
ci siamo bevuto cento litri di vino
con le sfrappole preparate
da sua moglie al pomeriggio.

Dopo, degli spaghetti e poi biscotti,
i primi crudi e gli altri cotti
che sono spariti velocemente
perché eravamo tutti contenti;
a sorpresa da una sporta,
è uscita più tardi una torta.

Con la musica cantavano
chi erano capaci e chi si arrangiava:
cento canzoni per Natalino,
una e mezzo per Vincenzino,
tre Gianfranco, quattro Gardo
e poi via, senza perdere tempo!

Quando cantava Macagnani
per la pista è passato un cane
mentre Truman, per non stare male,
beveva acqua minerale
e con lui, a vuotare l’acquario,
cera anche Tebaldi Mario
poi, per aprire il bottiglione,
cera Alfredo Tugnalòn.

Cantare e stare contenti
da mangiare non cera più niente
ma in poco tempo è stato trovato
e poi subito affettato,
(grazie a Nino, mente sveglia),
il salame del fidanzato della Veglia!

Ad affettarlo in tuta blu
cera Lino U-Mu-Mu.
Ad un certo punto è arrivato Jòfa
(Magnani)
che, per non fargli fare la muffa,
ha portato ciccioli e salciccia
che sono spariti come una freccia.

L’atmosfera e l’armonia
è scoppiata in allegria
tanto che, ragazzi che roba,
ballava anche la Maria Gobba!

E tra gli ospiti contenti,
che saranno stati quindici o venti,
Bovo, Mistri, e poi Vanzini,
Travasoni con i suoi disegnini,
Consolini, Zaghi e Latino
ed il mezzo matto Cavina Mino;

Cesarino con l’Argia
che si accontenta di una poesia
e con modi gentili e belli
la Vittoria dei giornali,
poi distesi sopra ad un divano
la Mirella con Silvano
che per tutto il tempo della festa
non hanno mai piegato la testa.

Cera anche Nino Negrini
che era rosso come un tacchino
e la pancia ben in vista
di Bottoni il cementista,
quindi impegnato come cameriere
Pegoraro e sua moglie.

E per chiudere la compagnia
con una fotografia
cera Nanni che scattava
mentre noi mangiavamo.

E come tutte le cose belle
finisce la filastrocca
con il rimpianto del tempo passato
quando eravamo più legati
per amore ed amicizia,
solidarietà, giustizia.

Che la Chiavica vi insegni
che non si fa fuoco senza la legna,
e il legname che abbiamo adoperato
e la generosità:
per tutti quanti, adesso e domani,
siamo qui con il cuore in mano.

inviata da Giuliano Canola

Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie, sia di tipo tecnico che di profilazione. I cookie di profilazione installati provengono tutti da servizi esterni. Tutti i cookie utilizzati sono necessari a fornire una migliore esperienza di navigazione. Negando l'uso dei cookie potresti non poter usufruire dei contenuti e/o servizi offerti da argentaweb.it. Se vuoi saperne di più ti invitiamo a leggere l'informativa estesa, dove potrai negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie. Cliccando su "Accetto" o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi